Alla ricerca del sex toy perfetto: partiamo dalle (tre) basi

Posted on Posted in Sex toys

Dato di fatto: siamo uniche. Non solo come donne, ma anche come vulve e vagine. Per questo nulla è più difficile che scegliere il sex toy più adatto a sé. Scelta che richiede di procedere per tentativi e sperimentazioni. Per chi non ha disponibilità economica tale da giustificare l’acquisto di più vibratori, ecco un’infografica (a ognuno la sua perversione: questa è la mia) che riassume le tre principali ‘categorie del piacere’ e i sex toys ad esse correlate.

sex toys

 

Le possibilità, come ben sappiamo, sono quasi infinite e il menu delle preferenze sessuali potrebbe tranquillamente essere un tomo di 300 pagine. Diciamo però che in linea generale vale il detto ‘Dimmi come ti masturbi e ti dirò che sex toys potrebbe piacerti’.

Se da un lato infatti le donne in grado di raggiungere l’orgasmo con la sola penetrazione sono meno della metà (in realtà il cosiddetto ‘orgasmo vaginale altro non è che una stimolazione della clitoride, o meglio, dei suoi ‘bulbi’, dall’interno), esiste comunque una percentuale di fortunelle a cui basta un bel dildo (disponibile in vari formati, colori e materiali, dal silicone medicale al vetro) per arrivare alla Grande O. C’è poi chi ha trovato il famigerato Punto G, ma anche per chi non è ancora riuscita nell’impresa cosa c’è di meglio che sperimentare con un bel vibratore curvato e modellato ad hoc? Si dice, in fondo, che ‘chi cerca trova’…

Per (quasi) tutte le altre, la star è lui, anzi lei (perché il sostantivo nasce femminile, lo dice anche la Treccani). Il bottoncino dell’ammmore, la fragolina, il pene in miniatura. Signore (ma soprattutto signori), vi presento Lei, la clitoride. Il 70% delle donne riesce a raggiungere l’orgasmo solo con una stimolazione diretta di questo piccolo groviglio di terminazioni nervose (sapevate che è l’unico organo del nostro corpo dedicato esclusivamente al piacere?), quindi non è un caso se la famiglia dei vibratori clitoridei è la più grande e la più varia e va dai più piccoli bullet al famoso vibratore Rabbit, reso celebre dalla serie Sex anche The City. In mezzo ci sono le infinite possibilità del godimento, tra piccoli vibratori di coppia, anelli per le dita o per il pene, collegati alla musica o a un’app sul telefono, persino combinati a ad altri sex toys, perché chi lo dice che bisogna scegliere quando si può avere tutto il pacchetto? 😉

Le parole d’ordine sono: cercare, provare e sperimentare. Perché le sfumature del piacere sono ben più di 50. E, alla fine, è uno sporco lavoro: ma qualcuno lo deve pur fare… no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.