Del crowdfunding sul sesso (o Che c’è di nuovo in rete)

Posted on Posted in consigli per gli acquisti, Sex toys

Il mondo dei sex toy è in continua evoluzione, lo sappiamo. E con l’avvento di piattaforme di crowdfunding come Indiegogo, ogni nuova e buona idea può dare i suoi frutti se trova abbastanza persone a sostenerla.

Non è un caso se di recente alcuni dei migliori e più innovativi giocattolini sono usciti proprio dalla rete (vedi il caso di Eva by Dame, che ho recensito qualche tempo fa), in quantità molto maggiore rispetto alle innovazioni delle compagnie e dei marchi più affermati.

Ecco quindi che anche sulle piattaforme di autofinanziamento si possono trovare nuove idee e prodotti particolari, ancora prima che arrivino sugli scaffali dei nostri sexy shop preferiti, virtuali e non.

E’ il caso di questi 3 moschettieri + 1, ovvero quattro nuovi prodotti che il poco tempo hanno raggiunto il proprio obiettivo di raccolta fondi su Indiegogo e ora si apprestano a fare il grande salto nel mercato. Si tratta del vibratore rabbit Lioness, del masturbatore Blewit e della nuova linea di sex toy con relativa app di controllo remoto, la Remoji di PicoBong, più il Tantus Rumble, un massaggiatore ergonomico e gender neutral.

In sé, non sono 4 prodotti ‘rivoluzionari’, ma di certo aggiungono interessanti innovazioni a modelli ormai affermati (e assai apprezzati) di sex toys. Vediamoli insieme.

Lioness Vibrator – Il vibratore intelligente

lioness2

Iniziamo dal nuovo modello di Rabbit disegnato da Lioness: la particolarità di questo vibratore non sta tanto nella forma o nella vibrazione, quanto nella sua ‘intelligenza’. Sensori all’avanguardia e un’app collegata scaricabile sullo smartphone promettono di farci scoprire cose sul nostro corpo e sulla sua risposta al piacere che neanche ci immaginavamo. Non solo: visto che tendiamo ad ‘adagiarci’ su quello che ci piace senza mai cambiare (e questo vale anche per il sesso e la masturbazione), Lioness, una volta scoperte le nostre abitudini sotto le coperte (modalità di vibrazione, intensità, pattern particolari, etc.), ci suggerisce anche qualche piccolo cambiamento, sempre calibrato sui nostri gusti. Ora, se così fosse davvero, avremmo a che fare con un vibratore davvero intelligente che potrebbe mandare in soffitta il nostro vecchio modello di partner. 😉 Scherzo ovviamente… sempre che non si inventino una versione che regala anche fiori e ci porta all’Ikea. Sennò cari ometti siete spacciati. Con affetto :*

Unico punto debole: il costo. 219 dollari per aggiudicarsi uno dei modelli rimasti, anche se la campagna ha già raggiunto la bellezza di 119mila dollari di fondi raccolti. E’ tanto, ma in effetti il lavoro ingegneristico (e di design: questo sex toy è davvero bello da vedere, minimale, aggraziato e degno del suo nome. Miao) pare di prima scelta. Staremo a vedere. Intanto, qui la campagna su Indiegogo.

Blewit – Pleasure Training for Men

blewit

Questo avvenieristico sex toy che sembra una lampada da tavolo uscita da un’astronave di Star Wars, è un masturbatore di ultima generazione per l’uomo che non deve chiedere mai, ma nel caso lo fa  con discrezione. Scherzi a parte, i suoi ideatori, per realizzare la calotta esterna, si sono ispirati a forme che ricordassero un ripetitore bluetooth , un deumidificatore, una bottiglia di shampoo (???), insomma, qualunque cosa potesse distogliere l’attenzione dal fatto che è un sex toy. Il tutto in un machissimo azzurro cielo.

Si tratta di un masturbatore che, oltre a essere discreto, come abbiamo già detto, ha un sistema di ‘areazione’ che permette un lavaggio accurato della parte interna in silicone (molti masturbatori sono usa e getta proprio per questo motivo) e che ha anche il pregio di creare un (mi dicono) piacevole effetto risucchio.  Potrebbe valere la pena provare signori miei, che ne dite?

Persino il costo è abbordabile: 79 dollari e spedizione gratuita. Siete ancora in tempo a sostenere il progetto acquistandone un prototipo, anche se la campagna ha già raggiunto il suo obiettivo e toccato quota 87.694 dollari. Qui la campagna su Indiegogo.

Remoji – App and Sex Toys by Pico Bong

remoji

Anche i grandi si rivolgono al pubblico, quando si tratta di raccogliere idee. E’ il caso di Pico Bong, marchio economico di proprietà di Lelo, che nello sviluppare la nuova app controlla-sex toy si è rivolta agli utenti di Indiegogo. Quella di Remoji è in realtà un’idea già vista: un’app per smartphone che controlla uno o più sex toys. Anche We Vibe di recente ne ha sviluppata una per il nuovo modello di sex toy di coppia, la We Connect, che lavora anche a distanza. In questo caso però, l’obiettivo, come scrivono i produttori sul sito, è “rivalutare il sesso in pubblico e aumentare il divertimento”. La nuova app Remoji infatti funziona con la musica (non male visto che la stagione dei concerti sta per iniziare), è interattiva e permette letteralmente di giocare con i generi musicali e il ritmo per regalare al partner (o a se stessi) ‘quattro salti’ in pista senza pari. La grafica è interattiva e basata sugli emoticon, rendendo il tutto più giocoso. In più arriva in coppia con quattro nuovi modelli di sex toy. abbiamo  Surfer, un plug anale, l’anello Life Guard, il bullet Diver, e infine Blow Hole, masturbatore vibrante.

I prezzi della campagna variano a seconda del sex toy scelto da accoppiare all’app, ma si va dagli 89 dollari del Diver ai 124 dollari di Blow Hole, fino al pacchetto completo con tutti e 4 i sex toys (Orgy Tribe) per 409 dollari. Pico Bong ha già sbancato, raggiungendo la quota di 127.209 dollari. Qui il sito della campagna su Indiegogo.

Tantus Rumble – Il vibratore per tutti

rumble

Ed ecco il gran finale firmato  Tantus, piccola compagnia specializzata nella produzione di dildo in silicone di prima qualità, molto apprezzata oltreoceano e spero presto anche da noi. Soprattutto perché i prezzi sono abbordabili e la qualità dei materiali usati è decisamente alta. In questa nuova avventura però Tantus lascia momentaneamente da parte i suoi dildo per realizzare un massaggiatore all’avanguardia: silicone di prima qualità per la testina vibrante, ergonomico, intuitivo, leggero ma potente, ma soprattutto gender neutral. Queste le caratteristiche indicate dai produttori, che da 20 anni hanno fatto della ricerca del vibratore perfetto per tutti una vera e propria missione. E con Rumble, mi pare si stiano avvicinando all’obiettivo.

I vibratore ricorda la celebre Magic Wand della Hitachi, con una forma decisamente più ergonomica e ‘obliqua’ per essere usata con più facilità, e 14 differenti vibrazioni, create da un motore potente ma (assicura Tantus) silenzioso. Il modello è senza fili e ricaricabile e la testina in silicone è removibile per assicurare una pulizia accurata. A proposito della testina, ovviamente è prevista in differenti forme: una ‘classica’ e morbida, una ‘a coppa’ per riprodurre una suzione, una ‘a cucchiaio’ e inseribile per il punto G e una piatta e sottile per regalare sensazioni delicate e nuove.

La campagna su Indiegogo è chiusa dopo aver raggiunto quota 38mila dollari, ma Rumble è già acquistabile sul sito di Tantus a 129,99 dollari.

Insomma, le migliori idee nascono e crescono nella rete. E voi? Avete qualche prototipo nel cassetto da implementare? O preferite sostenere uno di questi progetti nel nome del piacere? 😉

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.