Di OMGYes (o La guida orgasmica per autostoppisti del piacere)

Posted on Posted in Benessere, Sesso

E’ tutto pronto. I regali sono stati comprati, i pacchetti fatti, la spesa per il pranzo di Natale è già stata messa in frigo. Ora ci possiamo rilassare. E invece no. Perché ci siamo sicuramente dimenticate di una nostra amica, o forse il set di pentole che abbiamo in serbo per la nostra metà non ci convince più. O forse abbiamo solo dimenticato il regalo più importante: quello da fare a noi stesse. E che regalo migliore c’è di un bell’orgasmo?

Ecco, OMGYes è proprio questo: un grande database di orgasmi digitali, un’enciclopedia del piacere femminile a portata di click, con video, spiegazioni, interviste intime a donne e ragazze di ogni età, estrazione e forma. Un punto di riferimento per capire qualcosa di più sul misterioso orgasmo femminile e imparare a raggiungerlo in tanti modi diversi. Perché l’obiettivo di OMGYes (tradotto letteralmente: ohmmioddioSì) è proprio questo: far capire alle donne (ma non solo a loro) che non c’è un modo giusto o sbagliato di provare piacere. Ogni vulva è unica, come ogni donna, e mentre ci sono alcuni elementi che statisticamente si ripetono, anche la stimolazione è unica.

omgyes-sito-homepage
La homepage di OMGYes.com

Dicevamo però, che alcuni elementi o caratteristiche si ripetono, tanto da permettere ai ricercatori, sessuologi, esperti, registi ed educatori di For Goodness Sake LLC, compagnia che ha realizzato lo studio alla base di OMGYes.com, di suddividere le diverse ‘vie del piacere’ in macro-categorie. Per scoprire i meccanismi ancora ignoti e i segreti più intimi del piacere femminile hanno sfidato i taboo e intervistato oltre 2.000 donne sulla loro masturbazione, le loro abitudini sessuali e di stimolazione in coppia e da sole. Questi sono solo alcune delle loro scoperte.

Comunicare, comunicare, comunicare

Per il 91% delle donne, l‘elemento indispensabile per arrivare all’orgasmo è la comunicazione: un bravo partner si preoccupa di imparare cosa piace alla propria compagna e per farlo chiede istruzioni. Allo stesso modo, anche la donna deve riuscire a superare lo scoglio dell’imbarazzo, della vergogna e, perché no?, anche dello stigma sociale, e spiegare se un determinato movimento le dà piacere oppure no. Non abbiamo un libretto di istruzioni nascosto nella vagina. E non possiamo pretendere che un uomo (o una donna) sappiano interpretare con esattezza la diversa modulazione degli “mmmmmh” e degli “oooohhhhhh”. Signore, siamo a un bivio: accontentandosi, o peggio, fingendo, non si va da nessuna parte. Parlando si arriva all’orgasmo. Io non so voi, ma ho già scelto da che parte andare…

omgyes-comunicazione-piacere

Fammi andare in orbita

Circa 8 donne su 10 delle donne, quando si tratta di stimolare la clitoride, utilizzano nelle loro sessioni in solitaria, cerchi, orbite ed ellissi più o meno grandi e con differenti gradi di pressione. Un’intera sezione del sito OMGYes  dedicata al grande cerchio affronta tutte le combinazioni possibili tra orbita, punto di pressione, forza, direzione…. da far girare la testa. 😉

omgyes-orbite-cerchi-clitoride
Un’utilissima tabella interattiva di OMGYes

Continua così. Esattamente così

Una sola condizione accomuna praticamente tutte le donne che stanno per arrivare al culmine del piacere. Qualsiasi sia la stimolazione, il movimento di mani, dita o lingua che ci sta portando al climax, quando siamo a pochi metri dal traguardo deve assolutamente continuare fino alla fine. Non diminuire, nemmeno aumentare in intensità e per l’amor del cielo, non smettere sul più bello! Tutto deve restare e continuare esattamente allo stesso modo, a rischio di mandare in fumo un bell’orgasmo in arrivo. Quindi, cari signori, ripassiamo: “ci sono quasi” non vuol dire accelera o cambia quello che stai facendo, anzi, si traduce in “continua così fino alla fine oppure ti strozzo”. A meno che non sia lei stessa a dare indicazioni diverse.

Insomma, le vie del piacere sono davvero infinite. Quindi è meglio avere una guida d’eccezione, fatta da una parte da un team di esperti e dall’altra dalle voci e dai visi delle donne che hanno voluto condividere i loro segreti più intimi. L’accesso a OMGYes è per sempre ma costa molto meno di un diamante: 29 euro. Io mi sono iscritta mesi fa, spinta dalla curiosità (e anche dalle esortazioni di Emma Watson, che ha consigliato più volte il sito nelle sue interviste). La ricerca è stata fatta molto bene e anche le interviste sono interessanti e piacevoli, non sconfinano mai nel porno soft pur essendo molto esplicite. Preparatevi a vedere un gran numero di vulve, ma anche questo è un aspetto positivo di OMGYes: ci fa capire che siamo davvero uniche e ci insegna, oltre a varie tecniche di masturbazione e stimolazione, ad amare noi stesse e a non vergognarci di ciò che abbiamo tra le gambe. Che, oltretutto, è qualcosa di così misterioso da essere quasi magico.

Quindi a Natale regalale un orgasmo, unico e meraviglioso come lei. 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.